Traumi e Ferite

Fratture della mandibola, del naso, degli zigomi, delle orbite e del cranio

La traumatologia è quella parte della chirurgia maxillo-facciale che si occupa della gestione delle fratture del viso e del cranio.

Così come fanno gli ortopedici, i chirurghi maxillo-facciali intervengono chirurgicamente per ricomporre e stabilizzare fratture della mandibola, del naso, degli zigomi, della regione delle orbite e a volte del cranio, così da ottenere una perfetta guarigione dell’osso. Per raggiungere i focolai di frattura il chirurgo maxillo-facciale utilizza accessi nella maggior parte dei casi INTRA orali, nella restante parte delle situazioni accessi cutanei nascosti; una volta raggiunte le ossa fratturate queste vengono ricomposte come in un puzzle e stabilizzate con delle piccole placche in titanio che permettono alle ossa di rimanere immobili e di guarire completamente.Fortunatamente le fratture delle ossa del viso non sono così dolorose come le fratture degli arti E gli interventi chirurgici non così pesanti, infatti i pazienti normalmente vengono dimessi a domicilio nel giro di 2-3 giorni.

Domande frequenti:

L’intervento è doloroso?

No l’intervento chirurgico non è doloroso anche perché viene effettuato in anestesia generale.

E dopo?

Fortunatamente il post-operatorio non è doloroso, il dolore relativo all’intervento è facilmente controllabile con una normale terapia antidolorifica della durata the 3-5 giorni. Il post operatorio è caratterizzato da gonfiore variabile della regione interessata il gonfiore scompare entro sette 10 giorni.

Le placche si devono rimuovere?

Normalmente i mezzi di sintesi non devono essere rimossi a meno che non creino fastidio.

Decidiamo solo di rimuoverli nei pazienti che amano che vivono ad alta quota o in paesi nordici: infatti il titanio, metallo di cui sono costituite le placche in questione, a basse temperature si raffredda creando a volte sensazioni fastidiose.